Menu

Nonostante gli ottimi risultati messi a segno dai mercati azionari ed obbligazionari nel corso del 2019, gli investitori istituzionali temono che, nel 2020, la performance dei portafogli possa essere messa a dura prova dallo stallo delle negoziazioni sul commercio internazionale, dal rallentamento della crescita economica e dai bassi rendimenti. Non si tratta tanto di sapere quale sarà il rischio all'origine del danno, ma quando si verificherà. L'indagine da noi recentemente condotta rivela che gli investitori istituzionali si aspettano una nuova crisi finanziaria mondiale entro i prossimi cinque anni.

Però, nonostante la serie di rischi che si profilano all'orizzonte per il 2020, le proiezioni sui portafogli indicano che gli investitori istituzionali non sono disposti a giocare d'azzardo, né a fare grandi cambiamenti. Sembrano invece preferire una strategia attendista.

Leggi il rapporto completo in inglese

  1. La volatilità dei mercati diventa tangibile nei portafogli. Il 77% degli investitori istituzionali ritiene che le azioni saranno più volatili, mentre il 62% prevede che saranno le obbligazioni a soffrire a causa di un aumento della volatilità. Più della metà pensa che anche le valute saranno colpite da una maggiore volatilità. Per il 53% degli investitori istituzionali, la volatilità sarà il rischio di portafoglio principale da affrontare l'anno prossimo, seguita a poca distanza, al secondo posto, dai tassi d'interesse perennemente bassi, indicati come rischio principale dal 50% degli intervistati.
  2. L'incertezza dei mercati rende necessario il ricorso a una gestione attiva. Non si tratta di una novità per gli investitori istituzionali che, negli ultimi tre anni, hanno aumentato l'esposizione verso le gestioni attive e che intendono mantenere un'allocazione 70% attiva, 30% passiva anche nei prossimi tre anni.
  3. Le scelte di asset allocation saranno sostanzialmente mantenute. Pur consapevoli delle sfide che si affacciano all'orizzonte, gli investitori istituzionali non hanno in programma stravolgimenti di rilievo. In effetti, le allocazioni attuali si collocano entro 1-2 punti percentuali rispetto alle loro proiezioni per il 2019.
  4. Le scelte settoriali dimostrano che pochi sperano in una crescita futura. Per il 2020, gli investitori istituzionali non esprimono preferenze settoriali chiare, salvo due eccezioni: la sanità e le tecnologie dell'informazione.
  5. I mercati si dirigono verso una correzione, ma su quale mercato esattamente? E quando? Anche se il 2019 è stato un anno eccezionale per le azioni, quasi la metà degli investitori istituzionali prevede una correzione proprio per questo segmento nel 2020. Mantengono anche un occhio vigile sulle criptovalute e sul mercato delle nuove quotazioni.
  6. La politica è il convitato di pietra in uno scenario che comprende la messa in stato d'accusa del Presidente Trump negli Stati Uniti, la Brexit nel Regno Unito, l'instabilità in Bolivia e l'ondata crescente di populismo ovunque nel mondo. Le istituzioni sono impegnate a preparare i portafogli per affrontare il rischio politico; a questo scopo, realizzano analisi di scenario, rafforzano le riserve di capitale e si predispongono a essere complessivamente più dinamiche e più agili.
  7. Banche centrali, tassi d'interesse e permanenza dei rendimenti negativi continuano a sfidare le istituzioni nella loro ricerca di rendimento. In effetti, tre quarti degli intervistati dichiarano di essere preoccupati perché ritengono che, per rincorrere il rendimento, gli investitori istituzionali si siano assunti troppi rischi.
  8. Scelta dei patrimoni privati per conseguire risultati migliori. Secondo gli investitori istituzionali, i private asset si dimostrano più adatti degli asset tradizionali ad assolvere due funzioni determinanti per i portafogli. Il 62% dichiara che i private asset favoriscano la diversificazione, mentre il 61% ritiene che generino rendimenti più interessanti.
  9. Le motivazioni che spingono a orientarsi verso la sfera ESG (fattori Ambientali, Sociali e di Governance) sono oggi sempre più chiare. Il 64% degli investitori istituzionali dichiara di avere introdotto una qualche componente ESG nel proprio portafoglio. Più della metà ritiene che i fattori ESG racchiudano valore aggiunto.
  10. Gli investitori istituzionali sono preoccupati delle possibili reazioni degli investitori individuali di fronte ai rischi che si profilano all'orizzonte del 2020. Tre quarti ritiene che i timori di una recessione potrebbero indurre gli investitori individuali a liquidare prematuramente i loro asset.
Per l'analisi completa delle prospettive tracciate dagli investitori istituzionali per il 2020, vi invitiamo a leggere la versione completa del rapporto in lingua inglese.

Leggi il rapporto completo
Informazioni sull'indagine
Natixis Investment Managers, Global Survey of Institutional Investors condotta da CoreData Research nei mesi di ottobre-novembre 2019. Per l'indagine sono stati consultati 500 investitori istituzionali di 29 paesi.

A differenza degli investimenti passivi, gli investimenti attivi non mirano a riprodurre o a replicare alcun indice. La capacità di un investimento attivo di raggiungere i propri obiettivi dipende quindi dall'abilità del gestore.

Alpha è il parametro che misura la differenza tra rendimenti effettivi e rendimenti attesi di un portafoglio, rispetto al livello di rischio sistematico di mercato. Un alpha positivo indica la sovraperformance rispetto al livello di rischio sistematico del portafoglio, mentre un alfa negativo ne indica la sottoperformance.

Le analisi e le opinioni presentate possono variare in funzione della situazione del mercato e di altre condizioni. Il presente documento viene fornito esclusivamente a fini informativi e non ha valore di consiglio d'investimento. Non vi è garanzia che la situazione evolverà secondo queste previsioni e i risultati reali potrebbero quindi differire da quanto qui prospettato.

I dati qui riportati rappresentano le opinioni degli investitori intervistati e possono variare in funzione del mercato e di altre condizioni. Non possono quindi essere interpretati come consiglio d'investimento.

Tutti gli investimenti comportano rischi, compreso il rischio di perdita del capitale investito. Nessuna strategia d'investimento o tecnica di gestione del rischio è in grado di garantire rendimenti, né di eliminare il rischio in tutti i contesti di mercato.

L'investimento sostenibile si concentra su società che svolgono attività legate a determinati temi di sviluppo sostenibile e che dimostrano di attuare pratiche rispettose dei principi ambientali, sociali e di governance (ESG). L'universo d'investimento potrebbe quindi essere più limitato e non offrire agli investitori le stesse opportunità e le stesse tendenze di mercato disponibili per gli investitori che non si attengono a tali criteri. Il fatto che questi investimenti godano o meno del favore del mercato potrebbe quindi determinare un impatto negativo sulla performance complessiva offerta all'investitore.

La diversificazione non costituisce garanzia di rendimento, né conferisce protezione contro le perdite. Non è possibile garantire che un portafoglio diversificato determini un rendimento complessivo migliore o una sovraperformance rispetto a un portafoglio non diversificato. L'asset allocation non costituisce garanzia di rendimento, né conferisce protezione contro le perdite.

Tutti gli investimenti comportano rischi, compreso il rischio di perdita del capitale investito.

Natixis Distribution, L.P. è una società d’intermediazione a finalità limitata e un distributore di varie società d’investimento registrate che usufruiscono dei servizi di consulenza offerti da entità affiliate di Natixis Investment Managers.

Articoli correlati

Guarda
Global Retirement Index 2021

La ricerca della sicurezza finanziaria post-pensionamento in un mondo insicuro.

  • 14 ottobre 2021
Guarda
Natixis Access Series – Talks di Ottobre 2021

Il rilancio dell’economia sostiene ancora l’equity? Teniamo d’occhio tolleranza al rischio e strategie alternative.

  • 30 settembre 2021
Un dibattito intellettualmente onesto sull’ESG

Victor Van Hoorn, Direttore Esecutivo di Eurosif, sul perché l'etichettatura da sola non ci consentirà di raggiungere automaticamente gli obiettivi di carbon neutrality.

  • 21 settembre 2021
Impatto sul mondo

Florian Heeb e Julian Kölbel, ricercatori dell'Università di Zurigo, descrivono come gli investitori possono distinguere tra ciò che è etichettato come verde e ciò che ha davvero un impatto.

  • 20 settembre 2021