Menu

La digitalizione sta cambiando l’economia globale e sta facilitando uno sviluppo economico rapido nei mercati emergenti. La proliferazione e l’evolversi delle infrastrutture digitali sta aiutando le imprese a sviluppare la migliore offerta per i consumatori, accrescendone il potere d’acquisto. Per WCM Investment Management, questo implica opportunità. Mike Trigg e Greg Ise – entrambi PM e business analyst per la società affiliata di Natixis Investment Managers – hanno recentemente discusso le peculiarità del loro approccio ai mercati azionari emergenti.

Cosa c’è di così unico nel processo d’investimento di WCM?

Ise: Una caratteristica molto importante del nostro approccio è il suo modello generalista globale, probabilmente un concetto poco familiare a molte persone nel mondo del risparmio gestito. Molti dei nostri competitors credono in specialisti di settore e team separati per i mercati emergenti rispetto a quelli globali o internazionali. Per contro, WCM implementa lo stesso processo su tutte le aree d’investimento.

Trigg: Per noi, si tratta di trovare inefficienze strutturali. Per primo, non guardiamo solo ad imprese che si stanno mettendo in gioco, ma a quelle con la capacità di accrescere il proprio vantaggio competitivo. In secondo luogo, cerchiamo imprese con culture societarie che rispecchiano la loro strategia di crescita a lungo termine. La maggior parte degli investitori bottom-up parla di stime di valore intrinseco e acquisto a sconto di questo ipotetico valore intrinseco. Bisogna chiedersi, se ognuno parla degli stessi attributi e li processa ugualmente – Come si può essere unici? Come si potranno produrre risultati diversi da tutti gli altri?

Potresti spiegarci lo “schema di gioco” di WCM sui mercati emergenti?

Ise: Usiamo il termine “pattern recognition” per far riferimento a come le imprese in tutto il mondo catturino i vantaggi dell’alta velocità informativa e del progresso tecnologico. In altre parole, se in un paese avviene innovazione e questa ha successo, viene velocemente replicata altrove, e le migliori società riescono a riconoscere anticipatamente questo successo. Ora, più che mai, ci sono imprenditori in tutto il mondo. C’è accesso a finanziamenti e tecnologia. Cerchiamo società che mettano l’innovazione al primo posto, nel senso che siano consapevoli di dove il mondo si stia dirigendo e che stiano lavorando all’impiego di questa innovazione.

Come si distingue la strategia dal benchmark?

Trigg: A livello settoriale, il nostro approccio risulta diverso dal benchmark. Con un focus sull’innovazione, sulla traiettoria a lungo termine del vantaggio competitivo e sulla cultura ci ha portato a puntare su settori come il tech, l’healthcare e il consumer. Penso questi settori siano sottorappresentati negli indici dei mercati emergenti, sia in termini attuali che in termini futuri.

Come si è evoluto nel tempo il vostro approccio?

Trigg: Il nostro approccio non ha subito più evoluzioni rispetto a quelle sui mercati emergenti. Ad esempio, se si va indietro di vent'anni, il tech rappresentava circa il 5% dell'indice EM. Oggi è più vicino al 25%, e crediamo che l'indice non rappresenti ancora appropriatamente la direzione di lungo termine. In questi stessi vent'anni il processo di WCM è stato essenzialmente lo stesso, incentrato sul vantaggio competitivo e sulla cultura. Oggi, con i mercati emergenti che non sono più solo risorse e finanziamenti, i vantaggi competitivi e la cultura sono fattori molto più rilevanti. Questo è ciò che intendiamo quando diciamo che i mercati emergenti ci stanno essenzialmente venendo incontro, e che questo continuo cambiamento è favorevole a ciò su cui siamo posizionati.

E’ più complesso analizzare la cultura di imprese sui mercati emergenti, rispetto a quelle internazionali o domestiche?

Trigg: Questa è una domanda che ci viene posta spesso. Ci sono certamente delle differenze, ma in generale il nostro approccio alla comprensione della cultura di un’impresa sui mercati emergenti è molto simile a quello che facciamo per un’impresa sui mercati sviluppati. Una differenza è che con le imprese dei mercati emergenti - soprattutto nei settori su cui ci concentriamo - spesso ci rivolgiamo ad aziende di prima generazione che hanno un fondatore forte. Nei casi migliori, queste imprese tendono ad essere molto consapevoli di ciò che accade nel mondo e di ciò che fanno le altre aziende e i concorrenti. Ma in generale, quando guardiamo alla cultura di un'azienda, ci chiediamo: hanno i comportamenti e i valori giusti che permettono loro di realizzare la loro strategia e di accrescere il loro vantaggio competitivo nel tempo? Si evolveranno e si adatteranno? Guarderanno ai loro errori e impareranno da loro? Noi crediamo che queste cose siano importanti in ogni mercato, quindi a questo livello fondamentale non ci sono davvero grandi differenze nel modo in cui affrontiamo i mercati emergenti in termini di analisi culturale.

Ise: Sono d'accordo. Le culture di successo hanno delle somiglianze in tutti i mercati - la principale delle quali è il modo in cui motivano le persone di talento a riconoscere i modelli di successo e a replicarli. E questo presuppone che si possano trovare queste persone di talento, che non è sempre facile. Nella tecnologia, ad esempio, sappiamo che c'è una massiccia carenza di talenti a livello globale - in particolare di ingegneri e sviluppatori di software. Ma le sfide per motivare le persone sono le stesse, sia che ci si trovi negli Stati Uniti, in Cina o in Brasile. Come motivate le persone a rimanere fedeli e a guidare l'innovazione? Questi principi sono gli stessi in tutti i mercati. E il mondo è cambiato. Gli standard di vent'anni fa - quando tutti abbiamo sentito storie di fabbriche disumane e cose del genere - queste pratiche non sono più accettabili. Le aziende devono trovare nuovi modi per rimanere rilevanti, stare al passo con la concorrenza e sostenere i vantaggi in termini di costi. Nel momento in cui si diventa compiacenti, le cose cambiano.

WCM e Natixis hanno appena concluso il loro primo anno di partnership – cosa ha spinto WCM ad affiliarsi a Natixis?

Trigg: E' stato abbastanza naturale. Gran parte della cultura e del DNA di WCM è imprenditoriale - vogliamo continuare a crescere, senza perdere le nostre radici e la nostra cultura. Quando è arrivata l'opportunità di collaborare con Natixis, è stato perfetto. Lo vediamo come un modo per sostenere il nostro spirito imprenditoriale e allo stesso tempo far crescere il nostro potenziale di distribuzione. Per noi è stato la scelta più ovvia e siamo entusiasti di questa partnership
Questo materiale è stato fornito a scopo informativo solo ai fornitori di servizi di investimento o ad altri clienti professionali, investitori qualificati o istituzionali e, quando richiesto dalla normativa locale, solo su loro richiesta scritta.

La fornitura di questo materiale e/o il riferimento a specifici titoli, settori o mercati all'interno di questo materiale non costituisce una consulenza in materia di investimenti, né una raccomandazione o un'offerta di acquisto o di vendita di titoli, né un'offerta di attività finanziarie regolamentate.

Le opinioni e le opinioni espresse sono alla data indicata e possono cambiare in base alle condizioni di mercato e ad altre condizioni. Non vi è alcuna garanzia che gli sviluppi si manifesteranno come può essere previsto in questo materiale. Le informazioni sulle prestazioni passate presentate non sono indicative delle prestazioni future.

Articoli correlati

MegaTrends: i temi che definiranno il decennio

Mentre l'economia globale vive le trasformazioni più profonde degli ultimi tempi, scopriamo su quali temi poggerà la crescita nei prossimi dieci anni

La reflazione non si è esaurita

Esty Dwek, Head of Global Market Strategy, discute dello scorso mese sui mercati finanziari, descrivendo rischi e opportunità nelle diverse asset class

Guarda
Global Market Strategy

Natixis Investment Managers Solutions: ultime considerazioni su ciò che sta muovendo i mercati.

Guarda
Natixis Access Series – Talks di Aprile 2021

Guarda il nostro appuntamento periodico sulla costruzione di portafoglio. Con le prime riaperture delle economie, parliamo di rotazione settoriale e strategie value.

  • 30 aprile 2021