Menu

Etienne Vincent

Strategy & Marketing
Ossiam
Prevediamo che la pandemia porterà in primo piano nuovi temi di investimento ESG. Crediamo che la biodiversità sarà la prossima questione di punta nell’universo degli investimenti sostenibili.
Nel dicembre 2020, abbiamo chiesto ai nostri esperti il loro parere sui cinque quesiti chiave che l'economia globale si troverà ad affrontare all'inizio del secondo anno della pandemia.

Qui Etienne Vincent, offre le sue riflessioni sui fattori chiave che guideranno il contesto di mercato nel 2021.
horz bar chart ossiam 1
Rotazione di portafoglio
Prevediamo che gli aggiustamenti settoriali e di stile cominciati nel 2020 continueranno per tutto il 2021.

Tuttavia, negli Stati Uniti, le scelte politiche della nuova amministrazione Biden o possibili sviluppi inattesi sul fronte della pandemia potrebbero innescare una nuova rotazione a livello di stili e settori. Questo scenario è reso più probabile dalle valutazioni storicamente elevate e dalla perdurante incertezza sulla stabilità della ripresa economica post-Covid.

In Europa, le valutazioni sono meno elevate ma l’annunciata uscita di scena di Angela Merkel, la Brexit ed altri fattori di instabilità politica potrebbero causare qualche sussulto lungo la traiettoria di ripresa di alcuni settori, in particolare di quello finanziario.

In generale, è probabile che la crescente attenzione per l’ESG e il cambiamento delle abitudini di consumo amplifichino le dinamiche settoriali divergenti, che a nostro avviso rappresentano un’opportunità.

L’ESG è entrato nel mainstream
Il 2020 è stato in larga misura il primo reality check per le strategie ESG. Sebbene la consapevolezza su questioni come la sostenibilità e i cambiamenti climatici sia aumentata costantemente negli ultimi anni, questo processo ha avuto luogo durante un periodo di relativa calma dei mercati. Le vicissitudini del 2020 hanno dimostrato chiaramente che l’ESG può avere un impatto significativo sui profili di rischio/rendimento degli investimenti per tutte le asset class.

Prevediamo che questa tendenza proseguirà anche nel 2021. Una conoscenza più approfondita dell’ESG metterà in luce il ruolo crescente che gli investimenti quantitativi possono svolgere nella costruzione di un portafoglio sostenibile, a maggior ragione considerando il grado crescente di dettaglio dei dati ESG, che consente di sviluppare modelli quantitativi più precisi e prevedibili.

Ci aspettiamo poi che la pandemia porti in primo piano nuovi temi di investimento ESG. In particolare, crediamo che la biodiversità sarà la prossima questione di punta nell’universo degli investimenti sostenibili.


Articoli correlati

Inflazione, “no time to die”

di James Beaumont e Nuno Teixeira, Natixis IM Solutions

Gen Z: e chi sennò?

Impariamo a conoscere la Generazione Z, che comprende i nati tra il 1996 e il 2016, cioè circa un terzo del totale della popolazione mondiale.

  • 12 ottobre 2021
Engagement: un impegno responsabile

La sostenibilità non si misura, si valuta" dichiara Alex Edmans, Professore di Finanza alla London Business School. "Quando ci si fa prendere dalla fissazione di misurare, spesso si rischia di prestare scarsa attenzione alle conseguenze

  • 6 ottobre 2021
Senza slancio, non può esserci impatto

Lo slancio è la moneta dell’innovazione” dichiara Ashby Monk, Executive and Research Director presso lo Stanford Global Projects Center. “Se manca lo slancio, il nostro viaggio verso un futuro più sostenibile sarà con ogni probabilità lungo e scomodo”

  • 6 ottobre 2021