Bertrand Rocher

Bertrand Rocher

Head of Credit Research
Mirova**

Marc Briand

Marc Briand

Head of Fixed Income
Mirova

Gli oceani si estendono sul 71% della superficie terrestre e, con l'80% della nostra biodiversità, rappresentano il più grande habitat del pianeta.1 Contribuiscono inoltre a una serie di funzioni essenziali perché ci sia vita: dalla regolazione del clima alla sicurezza alimentare mondiale, dall'acqua potabile alla produzione di ossigeno.2

Non è un'esagerazione affermare che il destino del mondo dipende dalla salute degli oceani, per cui è cruciale che questa fonte indispensabile per la nostra vita venga protetta e gestita in modo sostenibile.

Nel profondo blu
Film famosi come Blue Planet II e Plastic Oceans hanno finalmente messo in luce lo stato di sofferenza degli oceani, anche se da molte parti si continua a ignorare la portata del ruolo di questa risorsa. Non solo sono il sostentamento della vita sul pianeta, perché forniscono nutrimento e acqua a miliardi di persone, ma sono anche essenziali per la regolazione del clima.

Per esempio, gli oceani assorbono circa il 23% delle emissioni annuali di anidride carbonica, subito dietro alle piante e alla vegetazione che, con il loro 29%, fungono da "pozzo di assorbimento del carbonio".3 A ciò si aggiunge che gli oceani assorbono più del 90% del calore in eccesso presente nel sistema climatico e, di conseguenza, assolvono una funzione fondamentale ai fini del controllo generale della temperatura.4

Però, come nel caso del riscaldamento del suolo, l'impatto dell'innalzamento della temperatura degli oceani è stato devastante. Negli ultimi trent'anni, la temperatura di superficie degli oceani è stata costantemente al di sopra dei livelli di qualsiasi epoca passata. Inoltre, mentre più della metà degli oceani tocca ormai temperature un tempo considerate estreme, il numero delle specie in serio pericolo è ormai incalcolabile.5

Tra l'altro, l'acqua più calda evapora più velocemente e, di conseguenza, alimenta tempeste più frequenti e violente. Questa situazione provoca già gravi conseguenze: nel 2021, il costo annuale medio delle calamità di origine meteorologica e climatica negli Stati Uniti ha raggiunto 160 miliardi di dollari, cioè otto volte più del costo registrato nei decenni 1980 e 1990.6 In gran parte, ciò è dovuto al fenomeno degli uragani, come il recente uragano Ian, il quinto per intensità ad essersi abbattuto sul suolo degli Stati Uniti, con danni costati alle compagnie di assicurazione tra 42 e 57 miliardi di dollari.7

Peggio ancora, gli oceani più caldi tenderanno a reimmettere anidride carbonica nell'atmosfera, con il rischio di riscaldare ulteriormente il pianeta innescando un circolo vizioso (una vera e propria "spirale catastrofica") che potrebbe vanificare qualsiasi tentativo di riportare indietro l'orologio del clima attraverso azioni mirate.

“I cambiamenti climatici estremi sono [già] una realtà” avverte Kyle Van Houtan, ricercatore presso la Duke University. "Sono presenti negli oceani, che sono alla base di tutte le forme di vita sulla Terra".8

Nel frattempo, anche l'attività umana contribuisce a peggiorare la situazione attraverso l'inquinamento (soprattutto a causa della plastica), l'acidificazione, la pesca intensiva e perfino la riduzione dell'ossigeno, evoluzione particolarmente preoccupante se si considera che gli oceani producono il 50% dell'ossigeno globale.9

"Proseguire su questa traiettoria non minaccia solo gli ecosistemi marini ma anche, indirettamente, la capacità futura degli oceani di ospitare la vita" osserva Live Ocean, associazione impegnata nella conservazione dei mari. "L'oceano non è solo una vittima dei cambiamenti climatici, ma è anche una componente vitale della soluzione".10

Sfruttare il potenziale degli oceani
Il mondo sta gradualmente aprendo gli occhi sulla necessità di proteggere i nostri mari. Dal 2015, la conservazione e l'uso sostenibile degli oceani sono due traguardi chiave degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile all'orizzonte 2030 (Obiettivo 14). E governi, banche multilaterali per lo sviluppo, ONG e filantropi intensificano l'impegno, consapevoli che gli oceani siano un alleato chiave per affrontare molte delle sfide planetarie che abbiamo di fronte.

Ma non può bastare: per esempio, in uno studio del 2020, si stima che, se il mondo vuole darsi la possibilità di raggiungere l'Obiettivo delle Nazioni Unite relativo alla "Vita sott'acqua" entro il 2030, serviranno 174,5 miliardi di dollari di finanziamenti all'anno.11

Finora i progressi sono stati estremamente lenti. Di tutti gli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile, l'SDG 14 è di gran lunga il meno finanziato; infatti, a tutto il 2019, gli è stato riservato solo lo 0,01% di tutte le risorse per lo sviluppo e, dal 2016, solo lo 0,56% del totale dei fondi filantropici.12 Come rilevato dall'Economist: "La conservazione degli oceani, la ricerca e lo sviluppo sostenibile nel mondo sono sottofinanziati in modo allarmante... L'assenza di investimenti destinati agli oceani è evidente e molto preoccupante".

È chiaro che governi e soggetti pubblici possono certamente fare di più. Ma anche il settore privato ha un suo ruolo da svolgere, mentre sul mercato stanno emergendo diverse opportunità utili a colmare questa lacuna, con offerte che spaziano sull'intera Blue Economy. Tra queste, l'acquacoltura e la pesca, le energie rinnovabili, il trasporto marino sostenibile, la gestione dell'inquinamento, le tecnologie oceaniche e il turismo sostenibile.

Nel frattempo, le alternative per gli investitori non mancano certo; tutto dipende però dai loro obiettivi. Sebbene ancora agli inizi, esistono già una quindicina di fondi a impatto pubblici e di private equity specializzati in questo ambito e pensati per permettere agi investitori di essere parte attiva della soluzione, veicolando il capitale di cui questo settore ha così bisogno. Si tratta, in maggioranza, di fondi di nicchia che investono o, in certi casi, forniscono il capitale di partenza a start-up che impattano sullo stato di salute generale degli oceani.

Anche il mercato obbligazionario avanza a grandi passi e inizia a farsi notare grazie ai cosiddetti "blue bond". Come i più affermati green bond, i blue bond sono strumenti di debito che contribuiscono a finanziare vari progetti nell'ambito della Blue Economy, mirati per esempio alla pesca sostenibile, ai porti e allo shipping, al turismo, alle energie rinnovabili, alla gestione dei rifiuti e alla biodiversità.

Il Belize e le Seychelles hanno già collocato con successo due emissioni di blue bond, mentre l'Indonesia ha appena lanciato una sua offerta.13 È probabile che altri paesi li seguiranno a ruota.

Un altro segnale incoraggiante è rappresentato dalla crescita di dimensioni delle operazioni più recenti e, per il futuro, è probabile che un incubatore di blue bond serva anche da stimolo per le operazioni di origination. È opinione diffusa che, tra non molto, sul mercato arriveranno anche emissioni societarie di blue bond, che aggiungeranno altre opportunità per gli investitori.14

Per il momento, l'investimento in blue bond è essenzialmente circoscritto ai fondi specializzati in green bond e obbligazioni sostenibili. Però questo mercato sta crescendo e non è impensabile che possa seguire le orme e il successo del fiorente mercato dei green bond, mettendo a disposizione degli investitori fondi specializzati in blue bond.

Qualunque sia lo scenario futuro, è chiaro che gli investitori avranno un ruolo determinante nella conservazione e la protezione degli oceani, che sono il nostro habitat più grande e l'alleato più forte che abbiamo per lottare contro i cambiamenti climatici. Proprio per questo, l'umanità non può permettersi il lusso di non occuparsene.


Aggiungi la sostenibilità al portafoglio obbligazionario

Per saperne di più

GLOSSARIO
  • Acidificazione - L'acidificazione degli oceani è la riduzione del pH degli oceani terrestri, causata principalmente dall'assorbimento di anidride carbonica dall'atmosfera. causata principalmente dall'assorbimento di anidride carbonica dall'atmosfera. Questo fenomeno provoca a sua volta l'aumento delle concentrazioni di CO₂ negli oceani.
  • Biodiversità - Varietà delle forme di vita vegetali e animali nel mondo o in un determinato habitat. Di norma, un livello elevato di biodiversità è considerato importante e auspicabile
  • Blue Bond - I blue bond sono uno strumento di debito mirato a sostenere l'investimento a favore della salute degli oceani e della Blue Economy.
  • SDG - Gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile Sustainable Development Goals) o Obiettivi Gobali sono 17 obiettivi globali interconnessi, individuati come "modello condiviso di pace e prosperità per le persone e il pianeta, ora e in futuro".
1 Fonte: Unesco, https://ioc.unesco.org/topics/biodiversity
2 Fonte: Unesco, https://ioc.unesco.org/topics/biodiversity
3 Fonte: The Conversation, https://theconversation.com/yes-more-carbon-dioxide-in-the-atmosphere-helps-plants-grow-but-its-no-excuse-to-downplay-climate-change-130603
4 Fonte: NASA, https://climate.nasa.gov/vital-signs/ocean-heat/
5 Fonte: National Geographic, https://www.nationalgeographic.com/environment/article/ocean-threats
6 Fonte: NCEI, https://www.ncei.noaa.gov/access/billions/time-series
7 Fonte: Insurance Journal, https://www.insurancejournal.com/news/national/2022/10/03/688040.htm
8 Fonte: The Guardian, https://www.theguardian.com/environment/2022/feb/01/extreme-heat-oceans-passed-point-of-no-return-high-temperatures-wildlife-seas
9 Fonte: United Nations, https://www.un.org/sustainabledevelopment/wp-content/uploads/2017/11/Report-on-Climate-Partnerships-for-a-Sustainable-Future.pdf
10 Fonte: Live Ocean, https://liveocean.com/journal/a-healthy-ocean-is-our-best-ally/
11 Fonte: Ensia, https://ensia.com/notable/ocean-sustainable-development/
12 Fonte: The Economist, https://ocean.economist.com/blue-finance/articles/why-we-need-to-tackle-the-ocean-funding-crisis
13 Fonte: World Bank, https://www.worldbank.org/en/news/feature/2022/07/21/indonesia-s-first-sustainability-bond-by-a-non-bank-financial-institution-focuses-on-green-and-inclusive-development
14 Fonte: World Economic Forum, https://www.weforum.org/agenda/2022/09/sustainable-ocean-investing-goes-mainstream/

All’interno del presente documento, la presentazione e/o i riferimenti a specifici titoli, settori o mercati non è da intendersi in termini di consulenza su investimenti, sollecitazione o proposta di acquisto o vendita di strumenti finanziari, né quale offerta di servizi finanziari. Prima dell'adesione, gli investitori devono esaminare con attenzione gli obiettivi, i rischi e i costi relativi all’investimento. Le analisi, opinioni e alcuni dei temi e dei processi d'investimento qui richiamati rappresentano il punto di vista del gestore/dei gestori di portafoglio alla data indicata. Questi possono variare senza preavviso, così come le partecipazioni in portafoglio e le relative caratteristiche. Non vi è garanzia che la situazione evolverà effettivamente come qui prospettato. Le analisi e le opinioni espresse da terze parti hanno carattere indipendente e non rispecchiano necessariamente quelle di Natixis Investment Managers. I dati riferiti alle performance passate non sono indicativi dei rendimenti futuri.