David Lafferty è Senior Vice President e Chief Market Strategist in Natixis Investment Managers. Si occupa della valutazione delle tendenze dei mercati economici e dei capitali e delle loro implicazioni per i portafogli di investimento. David Lafferty lavora in Natixis dal 2004. In precedenza, David Lafferty è stato Senior Vice President responsabile per il reddito fisso e per i prodotti di asset allocation presso State Street Research & Management, sviluppando strategie di investimento per clienti istituzionali, con patrimoni dai 10 milioni ai 2 miliardi di dollari statunitensi. Dal 1998 al 2001, è stato Senior Investment Strategist presso MetLife, dove si è occupato della strutturazione dei piani di asset allocation per clienti istituzionali, con un patrimonio totale di 600 milioni di dollari statunitensi. Dal 2008 al 2012, ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di Caspian Capital Management/Caspian Private Equity, un hedge fund e società di private equity con sede a New York.

David Lafferty interviene di frequente in televisione e negli eventi del settore ed è spesso citato in pubblicazioni finanziarie quali Barron’s, Bloomberg, The Wall Street Journal ed altre. Ha ottenuto una laurea in Economia e Scienze Politiche (doppia laurea) presso l’Università del New Hampshire e un Master of Science in Finanza presso la Suffolk University. Detiene la qualifica di CFA ed è membro di CFA Society Boston, del CFA Institute e della National Association for Business Economics (NABE). David Lafferty è inoltre professore assistente al corso di laurea in economia del New England College (NEC), dove insegna economia aziendale/economia per i processi decisionali. Vanta 25 anni di esperienza nel settore finanziario e degli investimenti.


CFA® e Chartered Financial Analyst® sono marchi registrati di proprietà del CFA Institute.

Natixis Investment Manager comprende tutte le entità di gestione e distribuzione di investimenti affiliate a Natixis Distribution, L.P. e Natixis Investment Managers S.A.

Il presente materiale non deve essere considerato come una sollecitazione a comprare o un’offerta a vendere qualsiasi prodotto o servizio a qualsiasi persona in qualsiasi giurisdizione in cui tale attività sia illecita.